IL FILM E' VISIBILE SI INDIECINEMA, portale di cinema indipendente, clickando qui sotto:

https://www.indiecinema.it/the-mirror-and-the-rascal/videos/the-mirror-and-the-rascal-lo-specchio-e-la-canaglia

 

TRAILER INDIECINEMA: https://www.youtube.com/watch?v=p7ETj8joU1k

 

 

"THE MIRROR AND THE RASCAL"

("LO SPECCHIO E LA CANAGLIA")

 

un film di Valerio de Filippis

 

in uscita il 12 giugno 2019

 

 

 

 

Valerio de Filippis as Richard III
Valerio de Filippis as Richard III
George, Duke of Clarence (Daniele Porcella)
George, Duke of Clarence (Daniele Porcella)
Queen Elizabeth versus Richard (Federica Lenzi)
Queen Elizabeth versus Richard (Federica Lenzi)
Queen Margaret (Francesca Perti)
Queen Margaret (Francesca Perti)
King Edward (Cristiano Piangatelli)
King Edward (Cristiano Piangatelli)

Richard III

Queen Elizabeth

Richard III

Rivers (Alberto Stella)

Richard III

Tyrrel (Lorenzo Lustri)

Queen Elizabeth and King Edward

Queen Elizabeth

The Duchess of York (Anna Rita Daqua)

The Duke of Buckingham versus Richard (Francesco Ferrandina)

Richard versus Lord Hastings (Alexander Pascoli)

Lady Anne Warwick (Tiziana Imperi)

Lady Anne Warwick 

The Earl of Richmond (Luigi De Blasio)

The Earl of Richmond

 

Regia

Valerio de Filippis

 

Con

Valerio de Filippis

Cristiano Piangatelli

Alexander Pascoli

Federica Lenzi

Francesco Ferrandina

Alberto Stella

Anna Rita Daqua

Daniele Porcella

Tiziana Imperi

Francesca Perti

Lorenzo Lustri

Luigi De Blasio

 

Scritto da Valerio de Filippis

tratto dal RICCARDO III di William Shakespeare

 

Fotografia e montaggio

Valerio de Filippis

 

Collaborazione alla regia,

alle riprese e al montaggio

Giuseppe Convertini

 

Musica e arrangiamenti

Valerio de Filippis

 

Assistente alla regia

Claudia Carovana

 

Consulente madrelingua inglese

Rayner Cabrera

 

Consulente per la produzione

Massimiliano Perrotta

 

Assistente alla produzione

Anna Rita Daqua

 

Traduzione

Cabrera - de Filippis

 

Produzione

STUDIO E.M.P. (Experimental Meeting Point) ROMA

 

Personaggi e interpreti:

 

Richard   .........................................................................   Valerio de Filippis

Re Henry VI   .................................................................   Sebastiano Vianello

Regina Margaret   ...........................................................   Francesca Perti

Edward, principe di Wales   ............................................   Benedetto Fanna

Lady Anne   .....................................................................  Tiziana Imperi

Richmond   ......................................................................   Luigi De Blasio

Re Edward IV   ...............................................................   Cristiano Piangatelli

Regina Elizabeth   ...........................................................   Federica Lenzi

Lord Rivers   ...................................................................   Alberto Stella

George (Clarence)   .........................................................   Daniele Porcella

Duchessa di York   ..........................................................   Anna Rita Daqua

Buckingham   ..................................................................   Francesco Ferrandina

Hastings   ........................................................................   Alexander Pascoli

Tyrrel   .............................................................................   Lorenzo Lustri

Stanley   ...........................................................................   Michele Peroni

Brakenbury   ....................................................................   Claudio Di Carlo

Catesby   ..........................................................................   Aurelio Candido

1° Sicario   .......................................................................   Simone Mastrocinque

2° Sicario   .......................................................................   Roberto Dogustan

Lovell   ............................................................................   Claudio Orlandi

Ratcliffe   .........................................................................   Gaetano Meola

Ragazza del sogno di Richard   .......................................   Francesca Zavattaro

1° Cortigiana   .................................................................   Claudia Carovana

2° Cortigiana   .................................................................   Manuela Verdi

3° Cortigiana   .................................................................   Anna Maria Consoli

Ragazza del litigio con Richard   ....................................   Maria Antonia Pagliara

Vescovo   .........................................................................   Vito Bongiorno

Jean Shore   .....................................................................   Antonia Pappalardo

Principe Edward   ............................................................   Edoardo Latessa

Principe Richard   ............................................................   Andrea Gigante

Principessa Elizabeth   ....................................................   Cristiana Mecozzi

Dorset   ............................................................................   Adrian Stella

Grey   ...............................................................................   Damian Stella

Surrey   .............................................................................   Daniele Tammurello

Norfolk   ...........................................................................   Salvatore Di Masi

 

Doppiaggi:

 

Re Edward IV   .................................................................   Alexander Pascoli

Buckingham   ...................................................................                 "

Regina Elizabeth   ............................................................   Giulia Catacci

Rivers   .............................................................................   Eduardo Fiorito

Hastings   ..........................................................................   Daniele Tammurello

Lady Anne   ......................................................................   Raffaela Siniscalchi

Tyrrel   ..............................................................................   Alberto Stella

Richmond   .......................................................................   Rayner Cabrera

1° Sicario   ........................................................................   Valerio de Filippis

Grey   ................................................................................   Michele Peroni

Principe Richard   .............................................................   Edoardo Latessa      

 


 

LO SPECCHIO FRANTUMATO

 

 

Ammiro da tempo la pittura di Valerio de Filippis, segnatamente per il suo rigore espressivo scevro da ogni ammiccamento “contemporaneo”. Eccolo invece sorprenderci con una spericolata sperimentazione tra cinema, videoarte, teatro e musica. Ma come mai un artista dal profilo così definito, così apparentemente definitivo, ha sentito lesigenza di scommettersi in questa avventura?

 

The Mirror and the Rascal ovvero Lo specchio e la canaglia non è soltanto il corrispettivo cinematografico della pittura di de Filippis (il suo gusto figurativo è ovviamente riconoscibilissimo), ma un nuovo campo di battaglia dove misurarsi come performer, proponendoci un conturbante e originale recitar cantando. De Filippis ha voluto metterci la faccia per inscenare una pubblica seduta psicanalitica: dietro la maschera di Riccardo III, di questa canaglia assetata di sangue e di successo, fanno capolino i fantasmi e i rimossi dellartista. In questo sta la verità del film.

 

Della tragedia di Shakespeare al regista interessa più di tutto il lato barbarico, che il film ci restituisce in uno stile frantumato, poliedrico, autenticamente contemporaneo.

 

Massimiliano Perrotta

 


https://www.cineclandestino.it/the-mirror-and-the-rascal/

 

 

 

Valerio de Filippis realizza una riuscita trasposizione del “Riccardo III”, astraendola

in una dimensione universalmente atemporale.

 

di Stefano Coccia

 

 

 

 

The Mirror and the Rascal

 

26 Giugno 2019 SpazioItalia

  • VOTO 7

Tragedia moderna

 

Confrontarsi con Shakespeare non è mai una passeggiata. A teatro come anche sul grande schermo. Valerio de Filippis ha scelto poi un terreno, il Riccardo III, che la settima arte ha già avuto modo di omaggiare con ottimi risultati: sui vari precedenti si staglia quel Richard III diretto nel 1995 da Richard Loncraine, il quale volle ambientare l’opera negli anni venti del Novecento, in un’Inghilterra immaginata alla mercé di un regime totalitario e con un gigantesco Ian McKellen nei panni del celebre villain.

 

Siamo comunque di fronte ad adattamenti maestosi, sfarzosi, anche nella componente scenografica. Al contrario The Mirror and the Rascal (Lo specchio e la canaglia), il lungometraggio di Valerio de Filippis, si rapporta a questo immortale classico in piena coscienza della disparità di mezzi, proponendone una rivisitazione morbosa, surreale e dalla chiara impronta minimalista. Fondali scuri isolano i personaggi in una dimensione atemporale, laddove però pistole, computer e cuffiette per ascoltare musica diventano sinonimo di un update decisamente moderno, se non proprio contemporaneo. Con un linguaggio che oscilla di continuo tra quello teatrale, il videoclip e la videoarte, Mirror and the Rascal ha intanto il merito di collocare la fosca cospirazione al centro dell’opera in un’atmosfera malsana, corrotta, nutrita poi di ipnotiche suggestioni dal sinuoso montaggio e dalle avvolgenti tracce musicali. A tratti questa trasposizione può ricordare una cantilena. La recitazione in inglese, coi dialoghi vicini il più possibile al testo originale della tragedia, lavora anche in direzione di una musicalità di fondo, per cui le parole sembrano quasi raggrumarsi nell’ossessiva e straniante colonna sonora, cui si è dedicato lo stesso de Filippis; il quale, per inciso, impersona nel film un serpentino e spietato Riccardo Duca di Gloucester, fratello del Re Edoardo IV, colui insomma che attraverso una lunga catena di delitti si è preposto di eliminare qualsiasi ostacolo tra la sua persona e il trono d’Inghilterra. Ruolo da protagonista, quindi, per un autore che si è circondato di altri validi interpreti, la cui presenza scenica riesce il più delle volte a sopperire all’evidente ristrettezza di mezzi.

 

 

 


 Videoservizio della prima nazionale: Roma, cinema Azzurro Scipioni, 12 giugno 2019   

 https://www.youtube.com/watch?v=sbGSryX-r0Q

Home  Recensioni

The Mirror and the Rascal: recensione del film di Valerio de Filippis

 

La recensione di The Mirror and the Rascal, opera prima di Valerio De Fillippis,

rilettura moderna del Riccardo III di William Shakespeare.

 

                                                                                           di Elena Pedoto

 -

 

13 Giugno 2019 16:27 Tempo di lettura: 2 minuti

 

Il pittore e artista concettuale originario di Pozzuoli Valerio de Filippis fa il suo debutto da regista con The Mirror and the Rascal (letteralmente, lo specchio e la canaglia) una rivisitazione surreale e perturbante di un grande classico, ovvero la tragedia Riccardo III di William Shakespeare. Traendo spunto dal personaggio empio, egoista, sadico e fondamentalmente negativo costruito dal drammaturgo inglese, De Filippis diventa alter ego e voce di Riccardo III per metterne in scena follia pervasiva, ego-riferimento, e smania di potere perpetrata attraverso la prevaricazione costante e assoluta del prossimo.

Incarnando e proponendo la scalata di Riccardo verso il suo agognato trono, nella geometria più meschina di sfruttamento e adescamento di sentimenti e vite altrui, e inseguendo la spessa linea di sangue che separa il protagonista dal potere, The Mirror and the Rascal sfrutta la tragedia shakespeariana per elaborare metaforicamente una riflessione sull’uomo e sul sé, per mettere l’individuo e le sue brutture davanti a uno specchio di vili smanie e ancestrali ossessioni, e dunque specchiarlo nella totale amarezza di uno sguardo che non vede oltre il naso, il confine limitato e limitante del proprio abietto interesse.

 

The Mirror and the Rascal: Valerio de Filippis stratifica il Riccardo III di Shakespeare 

per raccontare il degrado dell’uomo

 

In una forma di recitar cantando e con una messa in scena che sfrutta la video-arte per restituire un’immagine teatrale ma artistica, e quindi una recitazione “chiusa” con una fondamentale staticità della narrazione, The Mirror and the Rascal è ritratto in movimento della perdizione umana più profonda, che si estrinseca attraverso un susseguirsi di malattia, abbandono, distruzione, prostituzione fisica e mentale, e il generale abuso dei corpi e dei sensi. Nella totale amnesia di un’umanità degradata, de Filippis muove così voce stentorea e azioni del suo Riccardo III, uomo fondamentalmente vuoto e privo di qualsiasi luce, e che qui appare infatti sempre immerso in immagini e scene che riproducono il chiaroscuro spento della vita, fotografie quasi del tutto prive della loro luminosità vitale.

Un’idea di fondo interessante che si scontra con tutti i limiti della complessità, del linguaggio e della stratificazione simbolica dell’opera shakespeariana, nonché con i limiti di una struttura sperimentale che ha alcuni punti di forza ma anche tanti problemi di fruibilità, come quella di una eccessiva fissità della scena o di un sonoro che sovrasta spesso il parlato, entrambi elementi che inficiano il normale processo di aderenza ed empatizzazione con l’opera audiovisiva.

Attraverso un prodotto sperimentale dai canoni estetici peculiari e di difficile fruibilità, Valerio de Filippis porta fondamentalmente in scena musica e voce “dell’inverno del nostro scontento”, il peregrinare vacuo di un’umanità abbrutita dalle macro e micro guerre portate avanti al fine di stabilire una supremazia tra popoli, gruppi, persone. E nella sua forma ibridata The Mirror and the Rascal aggira il senso ma fondamentalmente coglie la suggestione di una ricerca esasperata del potere a tutti i costi, di un mondo rumoroso, sovrastante, vanaglorioso e tristemente ancorato ai propri falsi ed effimeri miti e valori. L’etica e la morale sprofondate sotto il peso del denaro e del potere, in un inquietante parallelismo con il nostro presente di abulico consumismo di valori e persone.

 

 

https://www.cinematographe.it/recensioni/the-mirror-and-the-rascal-recensione-film/


 

 

The Mirror and the Rascal: dove finisce la sperimentazione e inizia la logica

 

                                                                              di Gian Lorenzo Franzì

 

Classe 1960, il pittore Valerio de Filippis studia e riflette da sempre, con le sue opere, l’uomo declinato attraverso luce, corpo e psiche.

 

Adesso si sdoppia e affronta il Riccardo III di Shakespeare con il suo primo lungometraggio, The Mirror and the Rascal, opera che si muove disinvolta tra videoarte e musica.

La resa finale è quantomeno controversa: se l’impianto scenico (che guarda da vicino a Lars von Trier e al suo Dogville) è neanche troppo velatamente d’impostazione teatrale, il risultato è perturbante all’inizio, straniante dopo i primi dieci minuti, noioso da metà in poi.

E questo senza nulla togliere al valore dell’operazione. Innegabile è, però, che il lungometraggio diretto da de Filippis abbia più il sapore di un video musicale, anzi, di un’installazione museale di videoarte, piuttosto che di un film vero e proprio.

 

Sovvertire i codici cinematografici ha un senso se si rimontano – secondo il gusto e l’ottica dell’autore, certo –  per rientrare sempre nel territorio di partenza; ma se il risultato ha i connotati e le geografie di altri media, lo straniamento diventa fastidio per un film che, fondamentalmente, non è un film.

The Mirror and the Rascal assume la forma di una continua sperimentazione, probabilmente anche per lo spettatore che viene messo perennemente nelle condizioni di partecipare attivamente alla visione, con uno sforzo di attenzione e logica non indifferente.

Insomma, viene da chiedersi cosa abbia a che fare con il grande schermo se viene veicolato come “film”, visto che film non è.

Echeggia il Rocky horror picture show, si strizza l’occhio al cinema di genere, ma l’approdo è lontano, coincidendo la visione della pittura di de Filippis con il suo gusto figurativo riconoscibilissimo. Ma è proprio per questo, con un insolito cortocircuito, che l’ispirazione dell’autore, nella sua forma pittorica così scevra da ogni ammiccamento contemporaneo, lentamente scivola in una sorta di inconsapevole autocompiacimento, mentre svicola nella sperimentazione teatrale e musicale legata alla messa in scena delle immagini.

 

https://www.mondospettacolo.com/the-mirror-and-the-rascal-dove-finisce-la-sperimentazione-e-inizia-la-logica/

 

 


https://cinemaitaliano.info/news/52276/the-mirror-and-the-rascal-riccardo-iii-in.html

 

 

THE MIRROR AND THE RASCAL

Riccardo III in una rilettura tra videoarte e teatro

 

Il primo lungometraggio di Valerio de Filippis ispirato alla tragedia di William Shakespeare

 

La storia del cinema abbonda di trasposizioni delle opere dell’immortale Bardo e in particolare del “Riccardo III” non possiamo non ricordare quella del 1955 per la regia di Laurence Olivier e “Riccardo III, un uomo, un re” del 1996, un docufilm diretto e interpretato da Al Pacino. Quest’ultimo ha suggestionato il lavoro di Valerio de Filippis affermato pittore alla sua prima esperienza come regista e attore. Mentre il film di Al Pacino era un pretesto per mostrare la lavorazione dietro un adattamento teatrale, interrogandosi sul senso dell’opera, de Filippis sperimenta per la prima volta la sua lunga ricerca sull’immagine attraverso il cinema e la musica. Il regista nei panni di un Riccardo III contemporaneo con tanto di divisa mimetica rappresenta con l’opera di Shakespeare la sete logorante di potere che non ha tempo. In lingua originale con sottotitoli, attraverso un estenuante recitar cantando commentato dalla colonna sonora firmata dallo stesso regista, il film racconta le cospirazioni di Riccardo III contro i suoi avversari per conquistare il trono d’Inghilterra. Personaggi “contemporanei” che si muovono in dei “non luoghi” pronunciando come una cantilena le battute, musica elettronica ispirata chiaramente agli anni ’80, sequenze deliranti cariche di simbolismi: sono solo alcuni degli elementi che fanno di “The Mirror and the Rascal” un esempio di videoarte prestata al cinema, fortemente influenzata dallo stile pittorico di de Filippis. Il risultato è amatoriale ed eccessivamente criptico destinato a un pubblico di nicchia, poco coinvolgente rispetto all’avvincente opera di Shakespeare e agli adattamenti sopracitati.

Nel cast anche Cristiano Piangatelli, Alexander Pascoli,Federica Lenzi, Francesco Ferrandina, Alberto Stella, Anna Rita Daqua, Daniele Porcella, Tiziana Imperi, Francesca Perti, Lorenzo Lustri e Luigi De Blasio. Alla regia ha collaborato Giuseppe Convertini. Il film è prodotto dallo Studio E.M.P. (Experimental Meeting Point) di Roma, laboratorio di sperimentazioni artistiche multimediali.

13/06/2019, 13:23

 

THE MIRROR AND THE RASCAL - Riccardo III in una rilettura tra videoarte e teatro - CinemaItaliano.info